I Blog di Campaniasuweb

18447546_10154443977875703_8836125096374028751_n

A CURA DI Claudio Finelli

Pride Time

“Il Gender: la stesura definitiva” e Dario Accolla svela come si trasforma un figlio in gay

L'ultimo libro di Dario Accolla, insegnante, scrittore e attivista Lgbt, rivela l'idiozia della cosiddetta ideologia Gender. Nell'intervista rilasciata a Marco Assante, l'autore ci racconta perché questo libro divertirà i lettori ma farà anche discutere sulla diffusione dell'enorme bufala mediatica.

Dario Accolla è il cofondatore di Gaypost, blogger per Il Fatto Quotidiano, scrittore e attivista per i diritti LGBT. Ironico e tagliente, usa spesso il paradosso per scardinare convinzioni e pregiudizi. In questi giorni è stato pubblicato il suo ultimo libro “Il Gender: la stesura definitiva. Tutto quello che ancora non sai dell’ideologia che farà di tuo figlio un gay”, un libro dal titolo forte e di grande impatto che di certo farà divertire ma anche riflettere e discutere.

Incontriamo Dario al termine di una kermesse svoltasi sulla Gay Croisette di Roma, in attesa del Pride del 10 giugno.

18404157_10154436625465703_8923910920400817279_o

“Il Gender: la stesura definitiva. Tutto quello che non sai sull’ideologia che farà di tuo figlio un gay” è il titolo provocatorio del tuo libro che di certo farà storcere il naso qualcuno. Perché hai scelto questo titolo?

Tutti hanno parlato del Gender e tutti ne hanno parlato a sproposito, allora, siccome io faccio parte della lobby gay che, come scrivo nel libro, coincide con la lobby del gender, ho deciso di mettere nero su bianco quelli che sono i principi del gender e ho voluto far capire, una volta per tutte, quali saranno le nostre manovre sotterranee per spingere i bambini ad andare a letto sentendosi Bud Spencer e svegliarsi sentendosi Cher, ai tempi della hit Believe.

Da insegnante, hai un’esperienza diretta del mondo della scuola, secondo te questo “terrore gender” è davvero una cosa che è penetrata nell’immaginario delle famiglie italiane e dello stupidario politico di certi gruppi di fanatici bigotti?

La faccenda del gender è un po’ come la faccenda dei vaccini, stiamo parlando del nulla ma di un nulla che ha creato danni e paura, specie nelle mamme. Nei mesi scorsi c’è stata una campagna anti-gender allucinante e su Whatsapp giravano messaggi molto forti, in cui si comunicava che presto la scuola avrebbe fatto vedere siti come YouPorn ai bambini, avrebbe insegnato ai maschietti a vestirsi da donna e avrebbe mostrato loro come ci si masturba. Questa cosa è stata davvero assurda.

Come è arrivata quest’enorme bufala in rete?

E’ un ragionamento doppio, da una parte c’è una regia alta, da quando si è parlato di diritti riproduttivi, diritti per le donne, fino a quelli delle persone Lgbt, in ambienti clericali è stata coniata la parola gender, facendo passare questa parola come un attentato alla famiglia tradizionale. E, di seguito, c’è una responsabilità politica e una responsabilità mediatica. Il vero responsabile è proprio la politica che ha creduto a queste storie senza fare nulla a riguardo.

A proposito dei clericali, cosa ne pensi della Chiesa di Francesco?

Ti dico solo che ci son voluti 400 anni perché la chiesa riconoscesse come vere le teorie di Galileo Galilei. Pensa quanto ne dovrà passare perché la Chiesa riconosca le istanze delle persone Lgbt. Noi non vedremo quel tempo. Di certo alcune posizioni della Chiesa non fanno altro che alimentare sentimenti di discriminazione e razzismo. Bergoglio fa semplicemente il suo lavoro e la sua posizione resta quella. In quanto persone, noi dovremmo avere una posizione autonoma e distaccata dai ragionamenti e dalle posizioni della Chiesa, la nostra vita deve prescindere da certe imposizioni e, finché si può, bisogna prendere le distanze da certe affermazioni.

Come ti stai preparando per il Pride di Roma che si terrà sabato 10 giugno?

Mi sto preparando e, anche se non faccio parte dell’organizzazione, sono solidale a tutti loro e do sempre prova fisica della mia presenza.

13498031_10153551195500703_2252239633012677101_o