Campaniasuweb - LA TUA REGIONE A PORTATA DI CLICK

domenica 27 mag 2018 aggiornato alle 20:55 del 16 mag 2018

Le 150 immagini del World Press Photo saranno esposte al Museo Villa Pignatelli

Gli scatti del più grande concorso di fotogiornalismo al mondo tornano in città dopo il successo dello scorso anno. C'è tempo fino a domenica 7 gennaio per ammirare le fotografie vincitrici nelle varie categorie.

Dopo il grande successo dello scorso anno, torna a Napoli il World Press Photo, il più grande concorso di fotogiornalismo al mondo, che sarà nuovamente ospitato al Museo Villa Pignatelli – Casa della Fotografia (Riviera di Chiaia 200). La mostra è stata aperta oggi e si protrarrà fino a domenica 7 gennaio. Nelle sale della dimora neoclassica del Museo Villa Pignatelli – Casa della Fotografia, i visitatori potranno ammirare le 150 immagini vincitrici del più prestigioso concorso di fotografia, nato ad Amsterdam nel 1955 per tutelare la libertà di informazione, inchiesta e espressione come diritti inalienabili e promuovere il foto-giornalismo di qualità. Scatti che sono stati selezionati da una giuria internazionale, presieduta da Stuart Franklin che ha definito la vincitrice, An Assassination in Turkey – Mevlüt Mert Altıntaş del fotografo turco Burhan Ozbilici “una foto con un impatto incredibilmente forte”.

Ogni anno, migliaia di fotoreporter delle maggiori testate editoriali internazionali si contendono il titolo nelle diverse categorie del concorso di fotogiornalismo: Contemporary Issues, Environment, General News, Long-Term Projects, Nature, People, Sports, Spot News. Obiettivo aggiudicarsi un posto in questa mostra: per questa edizione 2017 erano in gara 80mila foto, scattate da 5034 fotografi. L’esposizione rappresenta, dunque, un viaggio per immagini tra gli avvenimenti più rilevanti del nostro tempo, pubblicati su testate internazionali come Time, Le Monde, New York Times, The Guardian e National Geographic.

Tra i vincitori del World Press Photo 2017 ci sono anche quattro italiani: Antonio Gibotta, secondo premio Daily life con lo scatto “Infarinati”, Francesco Comello terzo premio Daily life con “Isola della salvezza, Alessio Romenzi terzo premio per la sezione General news con “Non prendiamo prigionieri” e Giovanni Capriotti vincitore del primo premio per la categoria Sport sezione ‘Storie’.

Come lo scorso anno il World Press Photo a Napoli si propone come un vero e proprio festival e non solo come una mostra di fotografia. Fino al 7 gennaio infatti Napoli sarà animata da eventi correlati al World Press Photo fra cui le interessantissime public lecture con i fotoreporter internazionali e nazionali protagonisti del concorso. Questo il calendario degli appuntamenti:

SABATO 9 DICEMBRE

ORE 17: Public lecture di Burhan Ozbilici, vincitore del World Press Photo of the Year 2017.

DOMENICA 10 DICEMBRE

ORE 19: accompagnamento musicale

SABATO 16 DICEMBRE

ORE 17: Public lecture di Gianni Cipriano. Classe 1983, Cipriano è un fotografo indipendente siciliano che si divide tra New York e Palermo. Dopo gli studi di Ingegneria Aerospaziale e architettura, si è laureato in Documentary Photography. Nel 2008 è stato tra i “EmergingTalents” di reportage di Getty Images ed è stato selezionato per il XXI 2008 Eddie Adams Workshop di New York.

DOMENICA 17 DICEMBRE

ORE 19: accompagnamento musicale

SABATO 23 DICEMBRE

ORE 17: Public lecture di Antonio Gibotta, secondo premio nella categoria Storie con “La battaglia degli infarinati”. Classe 1988, Gibotta è considerato una delle promesse della fotografia italiana. È uno degli otto talenti nominati da Fiof per “Fotografi Trendy”.

DOMENICA 7 GENNAIO
ORE 19: accompagnamento musicale

Dalle ore 13.30 del 6 dicembre e fino al 7 gennaio la mostra sarà aperta ufficialmente al pubblico con i seguenti orari:

Lunedì – venerdì: 10 – 17 (ultimo ingresso ore 16)

Sabato – domenica: 10 – 21 (ultimo ingresso ore 20)

Martedì – giorno di chiusura

Domenica 24 e 31 dicembre: 10 – 17 (ultimo ingresso ore 16)

Leggi anche