Campaniasuweb - LA TUA REGIONE A PORTATA DI CLICK

martedì 17 ott 2017 aggiornato alle 17:18 del 16 ott 2017

Tac e Dna su un calco di Pompei: ad abbracciarsi sono due uomini

Si è sempre pensato che fosse l’ultimo respiro di due donne. Il soprintendente Osanna: «Non sappiamo se erano amanti»

È l’abbraccio di due uomini quello impresso nel calco della Casa del Criptoportico, ricavato negli Scavi di Pompei dall’archeologo Vittorio Spinazzola agli inizi del ‘900. La scoperta è stata resa nota dal direttore generale della Soprintendenza, Massimo Osanna, nel corso del  convegno Restaurando Pompei. «Un sito che non finisce mai di stupire. Si è sempre immaginato che fosse un abbraccio fra donne. Ma tac e Dna hanno rivelato che sono uomini».

Il calco di due uomini nella Casa del Criptoportico
Il calco di due uomini nella Casa del Criptoportico

È plausibile l’ipotesi che i due personaggi del calco fossero amanti? «Non si può dire», risponde Osanna. Ma considerata la loro posizione, si può ipotizzare? «Certo, ma è difficile averne la certezza», aggiunge l’archeologo.

Leggi anche