Campaniasuweb - LA TUA REGIONE A PORTATA DI CLICK

lunedì 11 giu 2018 aggiornato alle 20:55 del 16 mag 2018

Un Parco Archeologico al Castello di Lettere

Un sito culturale che racconta centinaia di anni di storia, dai longobardi al vicereame spagnolo. Ora un percorso museale valorizzerà il castello che guarda alla piana campana

Il Castello di Lettere diventa – finalmente – Parco Archeologico. L’iniziativa è stata presentata ieri, lunedì 18 dicembre, dal sindaco della cittadina, Sebastiano Giordano, e dal direttore degli Scavi di Pompei, Massimo Osanna, che coordinerà il progetto.

Il percorso museale si snoderà tra la rocca, chiamata “Torre del Grano”, e il mastio, con gli itinerari didattici e scientifici organizzati dal Comune. Durante il percorso sarà possibile ammirare le antiche vestigia del castello, nonché i manufatti e il vasellame scoperti durante la campagna di scavi del 2007 e del 2008 a cura degli archeologi Domenico Camardo e Mario Notomista.

Il Castello di Lettere, d’altra parte, è uno dei più antichi e rappresentativi della storia campana. Fondato come villaggio medievale durante il periodo longobardo, ha poi attraversato secoli di storia con la dominazione prima normanna e poi sveva, fino ad arrivare al vicereame spagnolo del Regno di Napoli. Dalle sue torri è possibile ammirare un panorama unico, con tutta la piana campana a perdita d’occhio, il Vesuvio, Napoli, fino al Golfo e alle isole. Uno spettacolo visivo che ora sarà valorizzato da un adeguato percorso archeologico.

Leggi anche