Campaniasuweb - LA TUA REGIONE A PORTATA DI CLICK

mercoledì 26 lug 2017 aggiornato alle 10:34 del 25 lug 2017

Stregamora, la nuova etichetta di Villa Matilede

Un vino fatto con uve di Piedirosso da abbinare a primi con salsa di pomodoro, carni bianche, formaggi e zuppe di pesce

Un Piedirosso in purezza Igp Roccamonfina 2016. È Stregamora, il nuovo vino di Villa Matilde, l’azienda della famiglia Avallone che da oltre 50 anni lavora sul recupero e valorizzazione delle uve autoctone della Campania. Presentato in anteprima al Vinitaly 2017, Stregamora è fatto con uve di Piedirosso, il vitigno tipico campano conosciuto anche con il nome dialettale Per’ e palummo, che descrive una caratteristica morfologica del rachide che vede i pedicelli dei chicchi colorati di rosso come quelli di una zampa di colombo.

Stregamora-villa-matilde

È un vino dal colore rosso vivace con riflessi violacei, ha profumo di frutti di bosco e note di rosa e viola. Sapido e vellutato al palato, si abbina a pasta o riso in salsa di pomodoro, preparazioni di carni bianche, pollame, formaggi di media stagionatura e zuppe di pesce.

Stregamora va ad arricchire la già ampia gamma di vini dell’azienda che è nata nella provincia di Caserta, nelle terre del Massico, culla dell’antico vino Falerno riscoperto proprio dal fondatore dell’azienda, Francesco Paolo Avallone.

Leggi anche